Dintorni di Matera

A pochi chilometri da Matera, entro un’ora, un’ora e mezza di auto, si possono incontrare punti di interesse diversi e importanti, visitabili in giornata. Programmare una vacanza medio-lunga che abbia come epicentro proprio la città dei Sassi, permetterà quindi di vivere un’esperienza soddisfacente e appagante, visitando molte delle più belle località della Basilicata e della vicina Puglia. Questi alcuni dei nostri suggerimenti.

Mappa

Montescaglioso (19 Km, mezz’ora): Montescaglioso è un piccolo borgo poco distante da Matera, che conserva uno dei capolavori artistici lucani: l’abbazia di San Michele Arcangelo fondata dai benedettini nel XI secolo. Da citare anche la settecentesca Chiesa Madre, che con il suo campanile di 45 metri domina il centro abitato. Al suo interno conserva 4 opere di Mattia Preti. Montescaglioso divide con Matera il Parco della Murgia con numerose Chiese rupestri, visitabili seguendo sentieri piuttosto semplici.

Montescaglioso

Altamura (20 Km, venti minuti): bel borgo medievale, con una rinomata Cattedrale. deve la sua fama al famoso pane di grano duro simile al pane di Matera (ma meno buono, dicono i materani!). La Cava Pontrelli, purtroppo attualmente non visitabile, conserva migliaia di orme di dinosauri che qui hanno camminato oltre 70 milioni di anni fa.

Altamura

Miglionico (20 Km, mezz’ora): questo piccolo borgo della collina materana ha segnato un famoso capitolo della storia medievale d’Italia. Il suo Castello è infatti soprannominato “il castello del Malconsiglio” e fu scenario della “congiura dei Baroni” (celebrata ad agosto di ogni anno con una spettacolare rievocazione storica) nel 1485 da parte di feudatari meridionali contro gli Aragonesi insediatisi sul trono di Napoli.

miglionico

Costa Jonica, da Metaponto a Policoro (40 Km, 40 minuti). Oltre che le larghe e ancora incontaminate spiagge dorate, meta prediletta dei vacanzieri estivi, la costa Jonica offre anche interessanti testimonianze del glorioso passato greco. Le colonie della Magna Grecia (Metapontum, Siris, Erakleia) erano fiorenti e rigogliose. Proprio a Metaponto si spense il grande matematico Pitagora. Di quella stagione si conservano scavi archeologi, reperti museali, e le maestose Tavole Palatine, resti di un antico tempio greco. L’interesse per questa pagina della storia si completa con una visita al vicino Museo di Taranto, recentemente rinnovato.

metaponto

Irsina (45 Km, tre quarti d’ora): centro religioso e culturale in epoca medievale, è recentemente salito alla ribalta della cronaca per la scoperta di un’opera lignea attribuita ad Andrea Mantegna, ad oggi l’unica scultura giunta fino a noi del genio padovano, uno dei padri del rinascimento italiano. Godetevi anche la vista della bella campagna circostante, con colline dolci e pettinate che cambiano colore ad ogni stagione a seconda della fase agricola in corso.

Irsina

Craco (56 Km, un’ora): la città vecchia è un paese fantasma di origine medievale, abbandonato nel 1963 per i fenomeni franosi che la stavano interessando. La sua bellezza scenografica ha ispirato scrittori, poeti e registi cinematografici, (King David, La Lupa, The Passion).

craco

Tursi (70 km, un’ora): sorge tra i declivi dei calanchi di arenaria tra i fiumi Agri e Sinni, ad una ventina di km dalla costa Jonica. L’abitato è sovrastato dalla Rabatana, fondata dai Saraceni prima dell’anno 1000, un groviglio di casupole, cunicoli, archi, vicoli e scalinate tortuose che portano a profondi precipizi costellati di grotte scavate nell’argilla. Fu cantata dal poeta Albino Pierro, più volte candidato al Nobel per la letteratura.

tursi

Castellana Grotte ( 65 Km, un’ora): una visita allo straordinario patrimonio di stalattiti e stalagmiti di questo sito famoso in tutto il mondo è un’emozione imperdibile.

castellana

Alberobello (70 Km, un’ora): sito Unesco dal 1996, la pittoresca città dei trulli, celebrata in miliardi di foto, film e riproduzioni, merita certamente una visita.

alberobello

Castelmezzano e Pietrapertosa (80 Km, un’ora e dieci): entrambi nella lista dei borghi più belli d’Italia, condividono lo spettacolare e romantico panorama delle Dolomiti Lucane, divenuto ormai celebre in tante foto e cartoline. Per chi ama il brivido può provare l’adrenalina del volo dell’Angelo: un chilometro e mezzo a volo libero sospesi ad un cavo d’acciaio steso tra i due paesi, raggiungendo velocità di punta di 120 Km/h.

castelmezzano

Aliano (90 km, un’ora e venti): deve la sua fama all’essere stata scelta come sede del confino di Carlo Levi, che qui risiedette tre il 1935 e il 1936. Il soggiorno fu talmente impattante nella sua vita, che qualche anno più tardi scrisse il libro “Cristo si è fermato a Eboli”, suscitando scandalo per la rivelazione delle terribili condizioni di vita dei lucani, lontani dal benessere e dal progresso. Allo scrittore e pittore Levi è dedicato un bel parco letterario, ed è possibile visitare i luoghi simbolo della sua avventura in terra lucana.

aliano

Venosa (94 Km, un’ora e venti): inserito nella lista dei borghi più belli d’Italia, Venosa fu patria del grande poeta latino Orazio Flacco che qui nacque nel 65 a.C. Conserva numerose testimonianze archeologiche del suo glorioso passato, come la Casa di Orazio, la tomba del console romano Marcello, il castello Pirro del Balzo, il complesso della Santissima Trinità, la cosiddetta “incompiuta”.

venosa

Melfi (120 Km, un’ora e mezza): importante centro di epoca normanna, conserva uno dei più maestosi castelli di Federico II di Svevia che domina il bel borgo medievale. La cripta di Santa Margherita è uno dei gioielli dell’arte rupestre, con il famoso affresco raffigurante Federico II in abiti da falconiere.

melfi

Infine, non molto distanti, ma raggiungibili con un viaggio di oltre un paio d’ore di auto a causa delle vie di comunicazioni non ottimali, sono altresì raggiungibili le località di Maratea, il parco del Pollino, i laghi di Monticchio, le prime spiagge del Salento…

[<— Dove mangiare]